in

CuteCute LoveLove

My art: i look della mia adolescenza (da Sabrina Salerno e Samantha Fox) fino alla ricerca di me!

L’adolescenza si sa, è una tappa complicata per entrambi i sessi, per una ragazza lo è di più; mentre i maschietti vivono “in bilico tra santi e falsi dei “ o meglio tra brufoli e falsi baffi, perseguitando a calciare un pallone (sino a tarda età talvolta!),e, a spingere pulsanti di joystick tecnologici, a noi signorine, (è abitudine comunicare il “trapasso” fisiologico con la frase raccapricciante: “è diventata signorina..”), si apre un sipario fatto di mille sfumature.

Da un giorno all’altro via l’armadio vecchio, abbiamo bisogno di reggiseni, tampax e perizomi scomodissimi, c’è l’esigenza di spazio per la signorina arrivata, si butta nel secchio la ragazzina e tutto quello che sino ad allora siamo state.

Si cambia  atteggiamento: tu, giovane ninfea mutata e divenuta  signorina, scostandoti i capelli con fare navigato di chi la sa lunga (e ieri cantavi “O o o , occhi di gaaattoo..”), cerchi di comunicare  con i tuoi coetanei maschi, e loro: ancora teneri, goffi ed ignari della loro scomoda posizione, ravanano  il naso e impennano con lo scooter..i maschietti sono così, basti pensare che alcuni loop infantili  continuano a trascinarli fino al periodo senile! Non c’è da scherzarci! 

La mia adolescenza  la colloco tra i 14 e i 15 anni, dai 16 in poi avevo già conseguito la maturità fisica, linguistica, psicologica, poi alle 23 mi veniva a prendere fuori dal cinema mamma che, per carità aveva giurato che mai sarebbe scesa dall’auto palesando la sua presenza!; ero una donna nella mia  testa, sapevo già tutto, ovviamente non sapevo nemmeno di quale  taglia avessi davvero bisogno di reggiseno, l’importante per me era averlo esplosivo come quello della Salerno che spopolava con “Boys Boys” (vero! Ho scordato un Boys!) e, vista l’attitudine da educanda, la mia icona si orientava  anche oltreoceano: Samantha Fox, cantante sobria ed elegante nei volumi e negli indumenti conformi anch’essi alla sua fisicità: jeans inguinali, t-shirt con spalla scoperta e nodo all’altezza dell’ombelico.

Ero esplosiva, fastidiosamente esuberante, ripensandomi in quegli anni,mi definirei: imbarazzante, folkloristica, procace, e al tempo stesso tenera.

Aggettivi che se accostati creano un ossimoro, ma credetemi, ero tutte queste cose insieme!

Un giorno poi, ho scelto che quella persona che esibivo fuori, dura, sagace, provocante, mi aveva stancata, non ero così, ma da adolescenti, c’è da mantenere un ruolo, e, a me la Jessica Rabbit ormai andava stretta o meglio, larghissima! Col passare degli anni avrei preferito un’altra Jessica..la Parker! Ero spacciata. Dovevo fare qualcosa, stavo perdendo di credibilità, e, a quell’età la popolarità è tutto

Nel frattempo, da una quinta abbondante di seno, passavo ad una 3, poi ad una seconda, ora non sono nemmeno qualificabile, ma dalla mia, vostro onore mi appello a due gravidanze e annessi allattamenti!


Le taglie scendevano, i volumi si affinavano, dalla 46 sono giunta ad una 38, capire che non sarei stata più convincente nello stile Fox era la base per la mia evoluzione!

Ho ragionato su cosa sarebbe stato bello mantenere, cosa cambiare, e cosa far emergere, mi sono guardata dentro ed analizzata fuori; dopo varie ammissioni, sono  giunta alla conclusione felice ed inevitabile: ho capito che non avrei potuto competere con l’altezza, nemmeno con un paio di stivali Alexander McQueen di quelli con i quali finì per terra Lady Gaga, ( se non li avete presenti chiedete a Google) né, avrei potuto primeggiare con le tette perse, ma avrei potuto essere unica per le mie attitudini, per il mio pensiero delicato, per il  modo di appassionarmi ed amare ogni cosa ed ogni persona in un modo esclusivo.

Avevo dato un calcio in culo a Samantha Fox! Era finalmente nata una stella: io. 

Scopri il look anni ’80 ispirata alla mitica Madonna:

Siate uniche, e, se alcune volte  non vi riesce, seguite i miei consigli e,
siate belle!

What do you think?

14 points
Upvote Downvote

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

To be a star!

My art: ispirazione messicana con la sua Regina